Hai presente quei film che iniziano mostrandoti la scena finale, per poi riavvolgere il nastro e raccontarti come tutto è iniziato e quali accadimenti hanno portato i protagonisti a vivere quella storia? E' un format che a me è sempre piaciuto molto ed è per questo che ho deciso di utilizzarlo per raccontarti una storia vera, quella del sito e-commerce che ho creato insieme a mia moglie e della sua prima indimenticabile vendita, avvenuta esattamente 67 minuti dopo il lancio. Per la precisione, voglio iniziare da quello che ci ha scritto la nostra prima cliente, rispondendo al questionario che le abbiamo inviato ad una settimana dal suo acquisto:

Gentilissima Erika, avevo pensato di scriverti una mail per dirti quanto mi piace la mia Kelly Skirt e quanto mi abbia piacevolmente stupito l'accuratezza dei dettagli, dalle cuciture al pacchetto, alla qualità del tessuto e la perfetta vestibilità del modello! Il questionario mi ha solo preceduta... come vedi ho dato il massimo dei voti perché lo meritate tutto, complimenti per il vostro lavoro e ancora grazie per la mia meravigliosa Kelly :) A presto... Barbara

Queste poche righe sono state come una bellissima ricompensa per tutto il lavoro che abbiamo fatto negli ultimi mesi, un lavoro che è ancora assolutamente in corso ma che intanto ci ha portati a creare un prodotto da zero e ad iniziare a venderlo online. In questo articolo voglio ripercorrere le tappe fondamentali della nostra esperienza, i momenti chiave in cui ho cercato di mettere in pratica i miei stessi consigli, verificando i risultati sul campo e facendo tesoro dei miei stessi errori.

Prima di andare avanti, ti invito a (ri)leggere l'articolo in cui parlo di come tutto è iniziato, del perché abbiamo deciso di aprire un negozio online di gonne a ruota adorabili e di come abbiamo validato la nostra idea sul mercato, grazie ad una landing page, un account Adwords ed una manciata di parole chiave.

Se sono qui ancora a parlarne è perché il primo test ha avuto un esito incoraggiante e ci ha spinti a passare allo step successivo, ovvero alla creazione del negozio online che — il giorno del lancio — si presentava così:

La prima homepage di kellyskirt.com, il nostro negozio online di
La prima homepage di kellyskirt.com, il nostro negozio online di "gonne a ruota adorabili"

Come vedi lo stile è molto semplice e pulito, come piace a me. Pur non essendo la mia specialità, ho deciso di occuparmi anche della grafica, creando da zero un tema responsive + mobile first per Shopify ed affidandomi alle doti creative di mia moglie per il logo e l'immagine generale del sito. Per il banner in homepage e le foto prodotto ci siamo rivolti invece ad una bravissima fotografa che ha saputo dirigere con mestiere (e tanta pazienza) un tour de force di scatti, musica e pranzo al sacco all'interno dell'Accademia Italiana di Arte, Moda e Design, in una giornata memorabile nel cuore della nostra Firenze.

Il Primo Servizio Fotografico

Se ci pensi, per molti aspetti un negozio online non è troppo diverso da un negozio tradizionale. Molte delle logiche di business e delle strategie di marketing possono essere applicate — con le dovute rivisitazioni — ad entrambe le tipologie di negozio, tant'è che i due mondi sono (o dovrebbero essere) sempre più integrati tra loro, in un'ottica sempre più multi-canale.

C'è però un aspetto fondamentale che differenzia nettamente un negozio online da un negozio fisico e non è certo un aspetto da poco: quando entri in un negozio online non puoi toccare, provare, annusare o indossare il prodotto che hai di fronte. In realtà hai a disposizione solo una sua rappresentazione visiva e, per quanto ne sai, quel prodotto potrebbe anche non esistere ancora o potrebbe trovarsi dall'altra parte del mondo, in attesa del tuo ordine.

Di fatto, in un negozio online le immagini (e i video) sono l'unico modo che hai per interagire con i prodotti e la qualità delle foto è assolutamente determinante per la tua decisione di aggiungerlo al carrello o di abbandonare la pagina per rivolgerti altrove.

E' questo il motivo per cui la prima cosa che abbiamo fatto per il nostro e-commerce è stato ingaggiare una fotografa, una modella ed una truccatrice per mettere in piedi il primo servizio fotografico della Kelly Skirt.

Alcuni momenti di backstage del nostro primo servizio fotografico. Quello in basso a destra sono io, sulle sponde del fiume Arno con la mia originalissima tavola da surf.
Alcuni momenti di backstage del nostro primo servizio fotografico. Quello in basso a destra sono io, sulle sponde del fiume Arno con la mia originalissima tavola da surf.

Direi che il risultato della nostra giornata di lavoro è stato più che soddisfacente. Oltretutto ci siamo anche divertiti molto, ci siamo sentiti parte di un team ed è stato il primo momento in cui il nostro progetto ha assunto le sembianze di qualcosa di reale e tangibile. Portare a spasso le prima collezione di Kelly Skirt con il Ponte Vecchio sullo sfondo è stata un'esperienza che, comunque vada, resterà per sempre con noi.

La Post Produzione delle Immagini

La qualità degli scatti è solo il primo (fondamentale) passo per la creazione di immagini che rendano merito al tuo prodotto e che lo facciano apparire più appetibile. Tipicamente in un e-commerce le foto vengono sempre migliorate in post-produzione tramite photoshop o strumenti simili e — come si dice in gergo — vengono anche spesso "scontornate", ovvero viene rimosso loro lo sfondo originale.

Un'immagine scontornata con sfondo trasparente ha generalmente una resa migliore ed è anche più flessibile, perché può essere applicata su sfondi diversi, per creare schede prodotto più variegate o per riutilizzare le stesse immagini per la generazione di nuovi banner a partire dalle stesse fotografie.

Un'immagine scontornata ha spesso una resa migliore in un sito e-commerce ed è anche molto più flessibile per il riutilizzo
Un'immagine scontornata ha spesso una resa migliore in un sito e-commerce ed è anche molto più flessibile per il riutilizzo

Non è il mio mestiere ma conosco bene chi lavora in questo settore e so quanto sia faticoso, complesso e soprattutto noioso fare un buon scontornamento delle immagini, soprattutto quando la foto originale contiene dei dettagli (tipo i capelli di una modella) che non hanno delle linee troppo nette. Fortunatamente esistono dei servizi online per questo tipo di lavoro che hanno un rapporto qualità prezzo decisamente vantaggioso.

Per KellySkirt abbiamo utilizzato l'ottimo RemoveTheBackground che ha recentemente cambiato nome in Pixelz. Che peccato, mi piaceva molto il loro nome, esprimeva in modo perfetto la loro unique selling proposition ma a parte questo la sostanza non è cambiata: tutto il processo viene gestito online e per 1,25 euro ti consegnano le foto entro 24 ore. E se il risultato non ti soddisfa, puoi sempre rifiutarle e richiedere che vengano rifatte senza costi aggiuntivi. Non male, vero?

La Collezione Garden Party

Garden Party è il nome che Erika ha scelto per la prima collezione Kelly Skirt, ispirandosi all'atmosfera delle feste all'aperto che si svolgevano negli anni 50 come omaggio alla primavera. La collezione è composta da 12 varianti di stoffe e colori che prendono il nome da 12 fiori diversi e dal loro significato simbolico.

La prima collezione Kelly Skirt è composta da 12 varianti di stoffe e colori, ispirate 12 fiori diversi ed al loro significato simbolico
La prima collezione Kelly Skirt è composta da 12 varianti di stoffe e colori, ispirate 12 fiori diversi ed al loro significato simbolico

Come prima collezione e primo vero esperimento di mercato, abbiamo deciso di produrre un numero limitato di capi, in parte per contenere l'investimento iniziale, in parte per cercare di posizionarci come una boutique, piuttosto che come un negozio da centro commerciale. Alcune delle gonne sono pezzi unici, create a partire da stoffe che difficilmente riusciremo a ritrovare da qualche parte e che quindi non potranno mai essere riprodotte.

Iniziare con uno stock limitato è stata probabilmente la scelta migliore, senza dubbio una strategia molto oculata che ha avuto però i suoi svantaggi. In primis, la produzione di pochi capi ha avuto un costo piuttosto elevato e se non avessimo trovato delle confezioni e delle persone che credessero un po' in noi la prima collezione non sarebbe mai nata. Con uno stock così limitato, inoltre, abbiamo anche dovuto dire di no a qualche amica che voleva acquistare la gonna offline, perché altrimenti saremmo rimasti con un bel sito vuoto e il nostro esperimento e-commerce non avrebbe avuto più ragione di esistere.

A posteriori, quindi, rifarei la stessa scelta ma probabilmente oserei di più, creando più capi e — in definitiva — credendo un po' di più nella nostra adorabile Kelly Skirt fin dall'inizio.

La Definizione del Prezzo di Vendita

A quanto vendere le nostre gonne? Dare una risposta a questa domanda non è stato semplice e probabilmente la risposta che abbiamo dato non è nemmeno quella definitiva. Quando crei un prodotto da zero come il nostro, hai la libertà di scegliere un prezzo senza doverti confrontare con una concorrenza diretta, nel senso che benché ci siano decine di altri negozi al mondo che vendono gonne a ruota, non c'è nessuno oltre a noi che vende Kelly Skirt.

Questo è senza dubbio un vantaggio ed un punto di forza che dobbiamo sfruttare ma anche una condizione che ci toglie ogni punto di riferimento. Abbiamo praticamente carta bianca e dobbiamo decidere, attraverso il prezzo, il posizionamento che vogliamo avere sul mercato ed il target di clienti alle quali ci vogliamo rivolgere.

Chiaramente il prezzo minimo che possiamo permetterci di applicare deve coprire tutti i costi di produzione, marketing e gestione mantenendo il nostro business profittevole:

prezzo minimo = produzione + marketing + spedizione + margine di guadagno

Il prezzo finale è calcolato aggiungendo al prezzo minimo una variabile di posizionamento che, in generale, vogliamo mantenere su un livello medio alto:

prezzo finale = prezzo minimo + posizionamento

Il risultato di tutti i nostri calcoli è stato un prezzo che si aggira intorno ai 150 € a meno di coupon sconto e promozioni che utilizzeremo molto spesso sul sito e tramite la newsletter. Abbiamo anche intenzione di differenziare il prezzo delle varianti in base al tipo e alla disponibilità della stoffa con cui sono fabbricate. Dobbiamo lavorare per trasmettere la loro qualità ed unicità e per allineare il prezzo di vendita con il valore percepito dalle clienti che verranno a farci visita. Dobbiamo costruire il brand Kelly Skirt, portarlo all'altezza del prodotto che rappresenta e renderlo desiderabile, almeno quanto basta per convincere una donna a spendere una cifra sopra i 100 € per averlo nel proprio armadio.

La Configurazione dei Metodi di Pagamento

I metodi di pagamento che accettiamo nel nostro negozio online sono quelli classici: carta di credito, Paypal e contrassegno (per il momento abbiamo deciso di lasciare fuori il bonifico bancario).

Per le carte di credito abbiamo scelto Braintree, un gateway molto popolare in giro per il mondo — acquistato da Paypal alcuni mesi fa — che promuove le startup come la nostra azzerando completamente le commissioni sui primi 50.000 euro di transazioni.

Braintree promuove le startup di tutto il mondo azzerando le commissioni sui primi 50.000 euro di transazioni
Braintree promuove le startup di tutto il mondo azzerando le commissioni sui primi 50.000 euro di transazioni

Dopo l'iscrizione al servizio e il collegamento con Shopify, che hanno richiesto in tutto una decina di minuti, sono stato contattato via email da un addetto alle vendite di Braintree che mi ha fatto alcune domande e mi ha chiesto un documento di identità per verificare il mio indirizzo di residenza. Terminate tutte le verifiche, il mio account è stato confermato ed ho potuto iniziare ad utilizzare il servizio senza alcun vincolo.

Per Paypal abbiamo creato un conto business e l'abbiamo collegato a Shopify in altri dieci minuti di orologio. Nessuna domanda o verifica in questo caso ma nessuno sconto sulle commissioni per le startup.

Puoi collegare il tuo negozio Shopify al tuo account Paypal in dieci minuti minuti di orologio ed accettare immediatamente pagamenti online da ogni parte del mondo
Puoi collegare il tuo negozio Shopify al tuo account Paypal in dieci minuti minuti di orologio ed accettare immediatamente pagamenti online da ogni parte del mondo

Per il contrassegno ci siamo rivolti direttamente al corriere espresso, che abbiamo scelto essenzialmente in base alla semplicità di utilizzo per un negozio piccolo come il nostro, nonostante i prezzi di esercizio un po' elevati.

La Scelta del Corriere

La logistica è uno dei principali fattori di successo — o di insuccesso — per un business online. Basta guardare le recensioni su Amazon per capire come la rapidità della consegna e la puntualità del corriere giochino un fattore determinante nella valutazione dei prodotti e — in definitiva — dell'intera esperienza d'acquisto da parte del cliente.

Per questo motivo, abbiamo evitato soluzioni "fai da te" ed abbiamo deciso di rivolgerci fin da subito ad un corriere espresso, iniziando ad esaminare le offerte e le condizioni dei vari Bartolini, UPS, TNT etc. Non avendo voglia di parlare con nessun commerciale, come proposto da Bartolini ed UPS fin dal primo contatto, alla fine abbiamo optato per TNT-Click, il servizio entry level targato TNT che può essere attivato ed utilizzato interamente online, senza nessun contratto o condizione particolare.

Tutte le Kelly Skirt vengono spedite tramite TNT-Click, il servizio entry level targato TNT che si attiva con un click
Tutte le Kelly Skirt vengono spedite tramite TNT-Click, il servizio entry level targato TNT che si attiva con un click

Nonostante l'interfaccia web un po' spartana, devo dire che il servizio si è rivelato fin da subito perfetto per le nostre necessità. La spedizione costa circa 10 euro e non è quindi molto economica, considerando anche il fatto che abbiamo deciso di assorbirla nel prezzo del prodotto, tuttavia i pacchi vengono consegnati in un solo giorno lavorativo in quasi tutte le città d'Italia e c'è anche la possibilità di offrire il pagamento in contrassegno.

Non avendo ancora un magazzino, un'altra caratteristica molto comoda per noi è la possibilità di utilizzare uno dei circa 1200 TNT Point come punto di raccolta per le spedizioni. In pratica, ogni giorno possiamo preparare i pacchi da spedire e consegnarli al TNT Point più vicino (un bar tabacchi che si trova in fondo alla strada) evitando così di dover attendere il corriere a casa e lasciandoci la libertà di dedicarci completamente alla raccolta degli ordini e alla preparazione del nostro bellissimo packaging.

Il Packaging

Una boutique online come la nostra deve curare ogni dettaglio non solo del prodotto ma anche del modo in cui viene confezionato e presentato. Di fatto, il packaging è parte integrante del prodotto e la soddisfazione del cliente inizia dal momento esatto in cui lo apre per la prima volta. Si tratta di un'occasione unica e irripetibile. Il cliente si ritrova in uno stato di lieve eccitazione, ha fretta di toccare con mano il suo prodotto, ha voglia di scoprire se ha fatto bene o meno ad acquistarlo, se è all'altezza delle sue aspettative e — in definitiva — se tornerà di nuovo a fare acquisti nello stesso negozio online.

Il packaging ha il compito di rassicurarlo, ringraziarlo, stupirlo e renderlo felice. E' uno strumento di marketing potentissimo che deve essere sfruttato per comunicare con il cliente, in uno dei momenti più delicati di tutta la sua esperienza d'acquisto.

Il packaging di ogni Kelly Skirt contiene una lettera di ringraziamento personalizzata che invita la sua nuova proprietaria a portarla sempre con stile e le offre un coupon sconto sul suo prossimo acquisto
Il packaging di ogni Kelly Skirt contiene una lettera di ringraziamento personalizzata che invita la sua nuova proprietaria a portarla sempre con stile e le offre un coupon sconto sul suo prossimo acquisto

Con Kelly Skirt abbiamo cercato di creare un packaging all'altezza del suo contenuto. Erika ha fatto un lavoro bellissimo nel curare la piegatura della gonna, il fiocco e la lettera di ringraziamento, che si rivolge alla cliente chiamandola per nome e include un coupon sconto sul suo acquisto successivo (o su quello di un'amica).

La Strategia di Marketing

Il primo ordine su Kelly Skirt è arrivato esattamente 67 minuti dopo aver inviato la prima newsletter, superando ogni mia più rosea aspettativa. Ad una settimana dal lancio avevamo fatto tre vendite, grazie alle scelta delle parole chiave giuste su Google Adwords e tutto sembrava andare liscio come l'olio: la nostra macchina era partita nel migliore dei modi e non si sarebbe più fermata.

In realtà Google Adwords funziona per alcuni tipi di business ma non per tutti. E soprattutto per costruire un brand non bastano 67 minuti, una lista di distribuzione e un buon set di keyword. Un brand non può essere creato da zero acquistando semplicemente del traffico, serve molto di più. Serve tempo e dedizione per diffondere la propria immagine e per posizionare il proprio prodotto nel modo giusto. Servono i canali giusti e occorre mettere in conto un minimo di investimento iniziale prima di iniziare a vedere i risultati attesi.

E' stato grazie a Giulia, una lettrice del Bootcamp esperta in social media marketing — e proprietaria di un bellissimo brand di abbigliamento da mare — che sono entrato in una realtà a me ancora sconosciuta. Mi riferisco al meraviglioso mondo delle Instagrammer, una forma moderna di fashion blogger che utilizzano Instagram come canale di condivisione e promozione di brand e prodotti.

Funziona più o meno così:

  • Entri in contatto con una Instagrammer che ha un buon numero di follower (es. 50.000-100.000)
  • Le invii il tuo prodotto e ricevi in cambio una o più foto sul suo account Instagram
  • Alcune delle sue follower commentano, cliccano su "mi piace", iniziano a seguirti e magari vengono sul tuo sito per acquistare il prodotto

Il bello di tutto questo è che — oltre alla pubblicità immediata — ti resta anche una foto da postare sul tuo profilo Instagram, Facebook o direttamente sul tuo sito e-commerce. Promuoviamo l'hashtag #ilovekellyskirt che speriamo diventi popolare e ci aiuti a far crescere il nostro brand.

Il sistema è anche scalabile, nel senso che esistono Instagrammer con centinaia di migliaia — se non milioni — di follower che possono portarti dei risultati straordinari in pochissimo tempo. In questi casi, ovviamente, non basta più "barattare" il tuo prodotto con un post ma si inizia a parlare di tariffe, anche salate, che crescono con il numero di follower.

Che dire... nuovi mestieri crescono!

Ah... se solo pesassi 50Kg meno e fossi un po' più carina... :)

- Filippo Conforti
Ebook

Vuoi Iniziare a Vendere Online?

Scarica subito il mio ebook gratuito e scopri com'è facile aprire un sito e-commerce in 24 ore.

Apri il tuo negozio Shopify ed ottieni un esclusivo coupon sconto del 20% a vita sul tuo canone di abbonamento.

Ricevi gli aggiornamenti gratuiti di Ecommerce Bootcamp nella tua casella di posta e impara a vendere online.

12 Commenti

  • 559d33e375c042df4ddaffae029bc0d1
    Giorgio

    Buongiorno Filippo,
    interessante anche questo tuo resoconto di vita vissuta.
    Solo un punto non mi è chiaro: come gestite il discorso "tracking" dei pacchi. Come avete integrato il servizio del vostro carrier con l'esigenza degli acquirenti di sapere a che punto è la loro spedizione?
    Ho visto che nell'app store di Shopify ci sono diverse app che propongono stampa etichette e tracking, ma mi chiedo se sono compatibili con il sistema italiano o se sono studiate solo per il mercato USA.
    Grazie

  • 7f2c50a5dafc2980678352fd32c279ff
    Andrea

    Ciao Filippo,
    la vostra è una storia fantastica e dimostra l'effettivo potenziale di una progetto realizzato con cura, passione e dedizione. Il prodotto appare eccellente, così come la user experience nel sito e soprattutto la sicurezza percepita dall'utente.

    Shopify, da questo punto di vista, appare come la piattaforma migliore per creare un e-commerce di qualità ad una cifra ragionevole.

    Io, però, in questi giorni mi sto scontrando con un problema che non avevo preventivato. Si tratta di PayPal e della sua integrazione con Shopify.

    Nel caso in cui IVA e spese di spedizione siano calcolate al di fuori del prezzo del prodotto, il pulsante PayPal non è in grado di calcolare immediatamente questi costi.

    L'utente, quindi, nel momento dell'acquisto, viene illuso di dover pagare una cifra, che solo nell'ultimo passaggio diventa comprensivo di tutte le spese aggiuntive.

    Fino a poco tempo fa, bastava implementare un paio di stringhe di codice nel Ruby on Ralis di Shopify, per ottenere il pulsante nascosto. Ciò permetteva di far passare il cliente all'interno del form per l'inserimento dei dati personali, in modo da ottenere l'integrazione dei costi nascosti, proprio nella prima parte del checkout di PayPal.

    Adesso tutto questo non è più possibile, a causa delle richieste di PayPal, il quale pare che abbia obbligato Shopify a rendere impossibile nascondere il pulsante.

    L'unica cosa che mi è stata consigliata è modificare le Instant Update API, per fare una chiamata, lato server, che aggiorna in tempo reale i dati sull'acquisto.

    Peccato, però, che anche questo non sia fattibile.

    Hai mai riscontrato un problema simile?

    In ogni caso, fornire spese di spedizione gratuite e IVA inclusa, mi sembra sempre la soluzione migliore, sia dal punto di vista della complessità di progettazione, sia nella capacità di conversione del sito.

    Per il resto un caro saluto e un forte in bocca al lupo.

    • A0defc9a129e5e4778eaa66535077064
      Filippo Conforti Andrea

      Ciao Andrea,

      Ti chiedo scusa ma mi ero completamente perso il tuo commento!

      Se ho capito bene, ti riferisci al Paypal Express Checkout che viene chiamato direttamente dal carrello. In questo caso, l'indirizzo di spedizione viene fornito da Paypal nel momento in cui il cliente autorizza il pagamento e - di conseguenza - le spese di spedizione possono essere calcolate solo dopo, in base all'indirizzo.

      Di fatto, quindi, il cliente autorizza un importo che non tiene ancora in considerazione delle eventuali spese di spedizione. Concordo che non sia il massimo dal punto di vista dell'esperienza utente, tieni presente però che per un checkout express non ci sono alternative e che gli utenti ormai si sono abituati a questo flusso di pagamento con Paypal.

      Chiaramente la spedizione gratuita elimina il problema ma onestamente non mi sembra corretto fare una scelta di marketing di questo tipo solo per aggirare il problema, la farei casomai in base ad altre valutazioni di business.

      Un caro saluto anche a te e... crepi il lupo!

  • Aae16e5a6edea772f343f38d819c2d93
    giuseppe

    Accidenti se siete forti!!!

    Ti posso chiedere indicativamente che budget adwords avete ipotizzato mensilmente per questa attività?

    Non conoscevo Braintree. Ora lo controllo. Grazie per tutti i dettagli che ci scrivi!! Pendiamo dalle tue labbra!!! eheh

    Un ciaone, un bravoh e un in bocca al lupo!!

    • A0defc9a129e5e4778eaa66535077064
      Filippo Conforti giuseppe

      Eheh... grande Beppe :)

      Per il budget Adwords siamo partiti con 10-20 euro al giorno ma ci stiamo spostando su Instagram perché sembra effettivamente più promettente come canale.

      Certo il nostro è un caso un po' particolare, anche se abbastanza comune. Se vendessimo un prodotto più di massa probabilmente il buon vecchio Adwords sarebbe ancora la strategia migliore su cui puntare.

      Crepi il lupo!

  • 80b8dc51310eaa1c4edcaa47e1d06ca5
    Massimo Scardellato

    Caro Filippo,
    ci siamo, l'avventura è solo iniziata! L'idea di prodotto è secondo me perfettamente centrata, la strategia che hai seguito impeccabile. Ora dovete dare continuità, l'immagine che state costruendo è un valore che si conquista con una presenza assidua e coerenza del messaggio. Molto interessante l'uso di Instagram

    #ilovekellyskirt

    • A0defc9a129e5e4778eaa66535077064
      Filippo Conforti Massimo Scardellato

      Caro Massimo,

      In effetti la continuità è un ingrediente fondamentale che non è sempre facile mantenere, soprattutto quando le cosa non vanno come ti aspettavi.

      L'uso di Instagram è stata una piccola grande svolta nel nostro progetto. E' un canale di marketing molto interessante, soprattutto per chi come noi sta cercando di promuovere un nuovo brand fashion.

      #ilovekellyskirt ;)

      • 80b8dc51310eaa1c4edcaa47e1d06ca5
        Massimo Scardellato Filippo Conforti

        ...naturalmente con coerenza non intendo incaponirsi su una via sbagliata ma saper esplorare e scoprire le vie adiacenti come stai facendo con Instagram.

        Il paragone che mi viene è quello di certa musica jazz in cui il ritmo più che essere presente è immaginato, e la pulsazione anticipa e ritarda, si sofferma, devia e riparte (un bell'esempio è Nefertiti di Miles Davis).

        Così la storia che racconta un brand è tutta una deviazione da un'idea base.

        Non so se mi sono spiegato ;)

  • 05a9470c9fd7ee32c030cf21620afc20
    Fabrizio Picca

    Ebbravo Filippo, mi ricordo di quando mi parlavi del progetto e non posso che essere contento che siete riusciti a realizzarlo!

    Complimenti e grazie per l'immagine di te con una bella gonna a ruota.
    Ne faro' tesoro ;)

    • A0defc9a129e5e4778eaa66535077064
      Filippo Conforti Fabrizio Picca

      Eh già... un'immagine indimenticabile vero?

      E comunque grazie a te, per essermi stato ad ascoltare quando tutto questo era ancora su carta e per aver spiegato la battuta anche a chi non mi conosce di persona! :)

      A presto, un abbraccio.

N.030·27 ottobre 2015· 11 min· 27

Come Aprire un Negozio Shopify con il 20% di Sconto a Vita

Scopri quanto costa iniziare a vendere online con Shopify e cosa puoi fare per renderlo ancora più conveniente